I benefici del riscaldamento al pavimento

I benefici del riscaldamento al pavimento

Nei mesi autunnali e invernali il freddo può mettere fuori uso l’efficacia dei nostri sistemi di riscaldamento e mettere in evidenza i loro limiti molto più chiaramente.

Per chi ha in progetto l’acquisto o la ristrutturazione di casa, può decidere di affidare il calore del proprio appartamento non più ai classici termosifoni ma al nuovo riscaldamento a pavimento.

Più che un concetto moderno, il riscaldamento a pavimento risale all’epoca romana, quando i proprietari di abitazione convogliavano l’aria calda sotto le proprie case per aiutare a mantenerle più accoglienti.

Oggi il sistema funziona utilizzando acqua calda o resistenze elettriche sotto il pavimento per distribuire uniformemente il calore in tutta la stanza. Con il sistema acqua calda, questa corre sotto il pavimento in tubi utilizzando acqua da una caldaia centrale per riscaldare l’ambiente.

Molte persone credono che il riscaldamento a pavimento è in grado di offrire un notevole risparmio energetico grazie al modo in cui opera.

Con questo tipo di riscaldamento il calore si diffonde più uniformemente di quando viene emanato da un punto fisso centralizzato, come il più classico dei caloriferi.

Il riscaldamento a pavimento vanta anche un uso ridotto di energia rispetto all’utilizzo di radiatori ad acqua riscaldati: tubi per uso a pavimento richiedono acqua riscaldata a circa 45-65° C rispetto agli 80° C necessari per i caloriferi.

Altri vantaggi del riscaldamento a pavimento si riferiscono allo spazio e alla comodità. Una stanza senza radiatori sui muri sembra più grande ed è anche più facile da decorare. Inoltre, il riscaldamento a pavimento può aiutare a ridurre il contenuto di umidità di una stanza, che può essere di particolare beneficio per chi soffre di asma causati dagli acari della polvere, che possono prosperare in ambienti umidi.