«

»

Apr 25

L’Acquedotto di Segovia

L’Acquedotto di Segovia

Immagine 1 di 43

L’Acquedotto di Segovia

 

 

 

L’acquedotto di Segovia è uno dei monumenti più importanti e meglio conservati tra quelli lasciati dagli antichi romani nella penisola iberica. È uno dei simboli della città di Segovia, come evidenziato anche dalla sua presenza nello stemma cittadino.

Nel 1985 è stato inserito, insieme alla città vecchia, tra i Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

L’acquedotto trasporta acqua dalla sorgente della Fuenfría, situata nelle montagne vicine, a 17 chilometri dalla città, in una regione nota come La Acebeda. Percorre oltre 15 chilometri prima di arrivare in città. L’acqua viene prima raccolta in una vasca chiamata El Caserón (“la grande cisterna”), e quindi incanalata verso una seconda torre nota come Casa de Aguas, che funge sia da dissabbiatore, che da torrino piezometrico. In questo luogo, infatti, l’acqua viene fatta decantare in modo che la sabbia si depositi prima di riprendere il viaggio e nello stesso tempo si assicura una quota certa alla linea piezometrica. Da qui viaggia per 728 metri con una pendenza di circa l’1% fino a raggiungere il Postigo, un affioramento roccioso al centro della città vecchia, dove sorge l’Alcazàr.

Una volta raggiunta Plaza de Díaz Sanz la condotta compie una brusca deviazione dirigendosi verso Plaza Azoguejo. È qui che l’opera si mostra in tutto il suo splendore. Nel punto più alto l’acquedotto raggiunge i 28,5 metri, inclusi circa 6 metri di fondamenta.

È composto sia da archi singoli sia da doppi archi supportati da pilastri perfettamente centrati gli uni sugli altri per assicurare la perfetta staticità a quest’opera che altrimenti difficilmente avrebbe superato tanto brillantemente quasi due millenni di storia.

Nel tratto che va dall’entrata in città a Plaza de Díaz Sanz si contano 75 archi singoli e 44 doppi, seguiti da altri quattro archi singoli, per un totale di 167 archi.

 

 

Per maggiori Informazioni Visitate la fonte Qui 

 

 

Lascia un commento