«

»

Apr 03

Acropoli di Atene

Acropoli di Atene

Immagine 1 di 40

Acropoli di Atene

 

 

L’acropoli di Atene si può considerare la più rappresentativa delle acropoli greche. È una rocca, spianata nella parte superiore, che si eleva di 156 metri sul livello del mare sopra la città di Atene. Il pianoro è largo 140 m e lungo quasi 280 m. È anche conosciuta come Cecropia in onore del leggendario uomo-serpente Cecrope, il primo re ateniese.

L’Acropoli è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1987.

I resti sono risalenti all’epoca arcaica e quindi si attesta che delle costruzioni imponenti si elevavano sull’acropoli alla fine del VII secolo a.C., epoca in cui le mura risalenti all’età micenea persero la loro importanza difensiva. Nella prima metà del VI secolo a.C., dopo l’espulsione dei Pisistratidi, l’acropoli cessò di essere una fortezza.

Le antiche fortificazioni, le costruzioni, gli edifici templari e le statue furono distrutti durante l’occupazione persiana del 480 a.C. I primi sforzi ricostruttivi degli ateniesi si concentrarono sulle opere di maggiore utilità. Le mura e i bastioni furono ricostruiti sotto il governo di Temistocle e di Cimone. Durante l’epoca di Pericle per celebrare la vittoria sui Persiani e il primato politico, economico e culturale di Atene fu realizzata la ricostruzione dell’acropoli, con la costruzione del Partenone (all’interno del quale fu eretta una statua colossale di Atena Parthenos, realizzata da Fidia e oggi perduta), dei Propilei e in seguito dell’Eretteo e del Tempio di Atena Nike.

 

 

Per maggiori informazioni visitate la fonte Qui

 

 

 

Lascia un commento