«

»

Mar 11

Stealth

Stealth

Immagine 1 di 34

Stealth

 

 

È detto velivolo Stealth (dall’inglese, “furtivo”) o invisibile al radar, un aeroplano realizzato con tecnologie che lo rendono impercettibile (o meglio: scarsamente percettibile) ai radar o altri dispositivi di localizzazione (o persino alla vista). L’uso di tecnologie Stealth, applicato innanzitutto e con più successo agli aerei, è anche diffuso come concetto costruttivo di hovercraft, unità navali, elicotteri.

La tecnologia Stealth viene raggiunta utilizzando una complessa filosofia del disegno che serve a ridurre la capacità dei sensori del nemico per rilevare, inseguire, o attaccare l’aereo Stealth. Questa filosofia prende in considerazione anche il calore, rumore, e altre emissioni (radar, radio) dell’aeromobile, dal momento che possono servire per localizzarlo.

L’invisibilità radar viene raggiunta tramite l’utilizzo di particolari geometrie (ad esempio nel F-117 con il sistematico utilizzo di angoli a 120°, si evitano gli angoli a 90° e le superfici tonde che sono riflettenti, si evitano gli impennaggi di coda); al rivestimento dell’aeromobile con particolari vernici con la capacità di assorbire le onde elettromagnetiche, sia radio che luminose (vedi la capacità della vernice del SR-71 di assorbire la luce di un proiettore laser).

L’invisibilità sonica e la minore visibilità all’infrarosso si avvale dell’utilizzo di motori con tecnologie più silenziose che producono meno calore e che refrigerano il flusso d’aria in uscita (si evitano i post-bruciatori, si utilizza la propulsione supercruise come nel F-22 Raptor).

L’invisibilità al visibile (oltre al radar) è molto più complicata, ed è attualmente investigata in aeromobili sperimentali come il “Boeing Bird of Prey” americano, di colore bianco, con proiettori di luce e telecamere che li rendono capaci di non essere rilevati anche di giorno (specialmente se in volo tra le nuvole). Questo nuovo aereo ha recuperato i vecchi comandi idraulici ed ha superfici alari comandate da cavi e molle, visto che i comandi fly-by-wire possono essere gravemente danneggiati da un eventuale missile antiaereo dotato di testata EMP.

 

 

Per maggiori informazioni visitare la fonte Qui  

 

 

 

 

Lascia un commento