«

»

Feb 27

Diga delle Tre Gole

Diga delle tre gole

Immagine 1 di 30

Diga delle tre gole

 

 

La diga delle Tre Gole, denominata anche “Progetto Tre Gole”, è una diga per la produzione di energia idroelettrica costruita sul Fiume Azzurro, nella provincia di Hubei in Cina, e rappresenta l’impianto con la maggiore capacità di produzione idroelettrica mai realizzato. Completata il 20 maggio 2006, la diga fa parte di un più vasto complesso ad essa annesso, che è stato interamente ultimato nel 2009.

 

Secondo affermazioni ufficiali del governo cinese, la realizzazione dell’opera sarebbe stata necessaria per il contenimento del rischio di inondazioni nella parte meridionale del paese, per rendere navigabile l’alto corso del fiume Yangtze e per produrre energia elettrica.

 

Il progetto è stato, fin dal principio, contestato dalle associazioni ambientaliste per l’elevato impatto ambientale e per l’elevato numero di persone sfollate.

 

La diga ha un’altezza di 185 m ed una lunghezza complessiva di 2309,47 m. Il bacino è lungo più di 600 km esteso per più di 10.000 km² e contiene 22 miliardi di m³ con l’acqua all’altezza normale di 175 m sullo sbarramento, con una capienza massima di 39 miliardi di m³. La centrale elettrica è dotata di 26 turbine Francis ciascuna di 700 MW di potenza nominale per un totale di 18,2 GW. La produzione annua stimata è attorno ai 305.000 TJ ovvero 84,7 TWh annui cioè circa il 3% dell’energia elettrica consumata in Cina, che corrispondono a circa 140 milioni di barili di petrolio. La media portata del fiume alla foce è di circa 33.000 m³/s. La diga è in grado di avere una portata massima di 110.000-115.000 m³/s. Il 3 luglio 2012 sono state attivate le ultime turbine, portando la centrale a pieno regime, con 32 turbine attive e un potenziale di produzione annua di 104 TWh. A monte della diga si trova la città di Chongqing. La costruzione prende il nome dalle tre gole attraversate dal fiume: la Gola di Qutang, la Gola di Wuxia e la Gola di Xiling.

 

 

Per maggiori informazioni visitare la fonte Qui 

 

 

Lascia un commento